Denis O’Hare parla del “genere letterario” di American Horror Story e True Blood

American-Horror-Story-Larry-Harvey-Denis-OHare-105-wide-560x282.jpg

“SciFimafia” ha avuto la fortuna chiacchierare con il grande talentuoso Denis O’Hare, non solo riguardo la sua straordinaria performance come Larry Harvey in “America Horror Story”, ma anche riguardo True Blood, dove interpreta il vampiro Russell Edgington.

SciFi Mafia: Buon giorno. Grazie intanto per aver accettato questa intervista. American Horror Story è assolutamente il mio programma preferito. Cos’è che ti piace e non ti piace del genere di lavoro letterario di America Horror Story e True Blood?

Denis O’Hare: “Credo di non essere stato a conoscenza dell’esistenza di questo genere di lavoro letterario, fin quando non ho fatto True Blood. Di come fossi ingenuo a non aver realizzato che eisteva un punto di vista a proposito di certi tipi di TV. E quindi, ho trovato deludente che ci sia un fetta della comunità dei critici, che guarda questo genere letterario con meno rispetto, come se fosse un qualcosa di diverso. E quando si tratta di qualcosa come i riconoscimenti, i premi, trovo sconcertante che True Blood venga snobbato così tante volte, vista l’incredibile gamma di recitazione che ha, voglio dire, l’incredibile narrazione e i valori di produzione incredibili. Quindi credo di essere rimasto un pò scioccato dal  pregiudizio che esiste dalla parola “genere letterario”.

Quello che mi piace della fantascienza è il fatto di essere davvero fantasiosa. Penso di essere ancora un bambino quando si tratta di divertirsi. Voglio essere totalmente trasportato. Voglio andare da qualche altra parte, voglio incontrare cose diverse, esseri diversi, universi differenti. Amo questo aspetto, essere in grado di interpretare quelle cose sia in True Blood che in American Horror Story.”

Grande Denise O’Hare, credo che tutti la pensano come te!

Fonte 

Denis O’Hare parla del “genere letterario” di American Horror Story e True Bloodultima modifica: 2011-11-27T15:20:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento