Carrie Preston sulla fine di True Blood: “Lo sospettavamo tutti!”

CARRIE-PRESTON-at-True-Blood-Season-6-Premiere-in-Hollywood-4.jpg

Era inevitabile che questo giorno arrivasse – la fine di True Blood.

I fan della serie sui vampiri possono essersi sorpresi quando HBO ha annunciato precedentemente questo mese che la prossima stagione sarà l’ultima, ma le star di questo fanGtastico show avevano la sensazione che si stesse complottando qualcosa.

“Lo sospettavamo tutti in quanto i nostri contratti erano aumentati, quindi avevano rinegoziato per un altro anno e allora abbiamo pensato, ‘Oh, sta accadendo,’” questo è quello che Carrie Preston, che interpreta Arlene nello show, mi ha detto ai Creative Arts Emmy Awards, dove ha vinto un premio per il suo lavoro in The Good Wife. “Ma poi quando lo senti è come, ‘Oh!,’ una fitta improvvisa.”
Il cast e il team di True Blood hanno ricevuto la notizia ufficiale dallo show runner Brian Buckner. “Ha mandato a tutti noi una mail che diceva, ‘Giusto perché lo sappiate, domani ci sarà un annuncio.’ E’ stato tutto molto dolce.”
Gli ultimi giorni di registrazione saranno agrodolci, ha detto Preston. “Penso che faremo affidamento sulle nostre benedizioni e cercheremo davvero di prendere il meglio da ogni momento.”
I dieci episodi finali di True Blood inizieranno ad essere girati l’estate prossima.
“Dal momento in cui ho letto i libri [di Charlaine Harris], ho pensato che c’era del potenziale per qualcosa di davvero speciale,” ha detto in una dichiarazione il creatore della serie Alan Ball. “E poi i nostri incredibili scrittori, il cast e tutto il nostro gruppo è riuscito a portare in vita il suo mondo in un modo che è andato ben oltre le mie più selvagge aspettative.
Sono davvero grato ad HBO per essere stati degli ottimi partner e collaboratori e, ovviamente, a tutti gli spettatori che hanno deciso di trascorrere le domeniche sere a Bon Temps con noi.”

Traduzione a cura di Giulia

Stephen Moyer parla del nudo frontale di Alex al BAFTA Tea

steveonEatBAFTA.jpg

 

Stephen Moyer ha parlato con Mark Malkin al BAFTA Tea Party sul Red Carpet ieri, e hanno discusso della scena di nudo complete frontale di Alex Skarsgard nel finale della sesta stagione di True Blood.
I fans di True Blood non si aspettavano di vedere un’esposizione frontale complete di Alexander Skarsgård quando Eric è andato in fiamme durante il finale di stagione dello scorso mese.

Mark Malkin scrive:
“Non era mai stato pensato così” mi ha detto ieri Stephen Moyer  al BAFTA LA Tea al SLS Hotel. “Non è mai stato scritto che lui dovesse essere nudo frontalmente. Ad Alex non piace indossare la sua ‘calza’ o, come la chiamiamo noi, ‘sacca del destino’.”
La sua sacca di cosa?
“È la sacca del destino che copre tutto.” Ha riso Moyer. “Non gli piace indossarle, quindi quel giorno ne aveva una in camerino, ma è stato lui a scegliere di non metterla.”
Moyer dice che la crew ha cercato senza successo qualche “trucco della macchina da presa” per nascondere i gioielli. E Stephen ha aggiunto che non ha intenzione di seguire le orme del nudo frontale di Skarsgård. “Lo risparmio alla crew,” ha detto.
Nel frattempo, come ci aveva già detto Carrie Preston, Moyer ha detto che il cast e la crew avevano il sospetto che la settima stagione di True Blood sarebbe stata l’ultima. “Volevamo un’uscita di scena ad effetto,” ha detto, aggiungendo “significa che gli scrittori possono andare nella stanza e hanno la possibilità di definire la stagione e impegnarcisi davvero. Siamo tutti abbastanza emozionati per questo.”
Quindi come sarà il future di Bill?
Moyer ha scherzato, “Voglio che finisca in una piccolo casetta Bianca con una staccionata bianca.” Magari troverà una bara bianca da abbinare.
Clicca sull’immagine per andare sul loro sito e vedere il video.

Traduzione a cura di Chiara

Fonte

 

Cosa ci mancherà di più di True Blood?


 

1374343_10201360085938861_1943885107_n.jpg


Sondaggio su Facebook: la HBO ha recentemente annunciato che la prossima stagione di True Blood sarà l’ultima. Vi mancherà?
* Cosa ne dite di uno spin off su Lafayette? -Tracey West Hancock

* Non mi mancherà per niente… c’è The Vampire Diaries – Patricia Adams

* Mi mancherà per Eric [Alexander Skarsgard] –Serena Scroggins

* Spero che il loro budget vada a Game of Thrones – Ekaterina Merabishvili

* Lo hanno rovinato perché non sono rimasti fedeli al libro. Non mi stupisce che stia finendo –Lauren Hughes

* Spero che Sookie e Eric finiscano insieme –Kelsey Jordan

* Appena sarà finito dirò addio al mio abbonamento alla HBO –Dee Kottkamp

* Che rottura! Il gioco di parole è voluto! [n.d.t. “that sucks” letteralmente significa succhiare] –Chris Sanders

Traduzione a cura di Chiara

Joe Manganiello ci parla di teatro, sobrietà & Alcide

 

hc-streetcar-pic-20130912-580x330.jpg


The Courant ha una nuova interessante intervista con Joe Manganiello con anticipo sul suo ruolo principale in A Streetcar Named Desire al Yale Rep che inizia settimana prossima. Nell’articolo parla candidamente di come i suoi genitori hanno vissuto la sua scelta di intraprendere questa carriera, come la sobrietà l’ha aiutato ad essere un attore migliore, i suoi altri progetti lavorativi, e la sua tristezza riguardante il fatto che Alcide sia diventato un personaggio “sprecato” – cosa di cui ci siamo lamentati molte volte qui.

Per quanto riguarda “True Blood”, che ricominceranno a girare a gennaio, Manganiello dice di essere deluso che il suo personaggio “sia diventato uno spreco. E’ stato come, ‘Oh, cerchiamo qualcosa per lui e inseriamolo nella trama anche se non ha nulla a che fare con il resto dello show. Ha iniziato ad essere come una lotta. Del tipo, non ho intenzione di ringhiare in ogni singola scena. Lasciatemi superare una sera. Ringhierò nella prossima. E’ diventato una sorta di baratto tra togliere la maglietta e ringhiare. Non mi sto lamentando. Ma ora sto lavorando con delle persone fantastiche e sto tornando ad essere un attore che può recitare ogni giorno.”

Manganiello ha iniziato a darsi da fare creando altri progetti per sé stesso: sta girando un documentario e promuovendo alcuni progetti cinematografici tramite una compagnia che ha creato con suo fratello più giovane, Nicholas. La compagnia ha commissionato tre copioni: un remake di un film indiano, un altro che si basa su trattato scritto da Manganiello e un terzo che si ispira ad un libro.

Traduzione Giulia Pellegrino

Spellbook: il nuovo telefilm su carta

1240581_10201968584280168_368595765_n.jpg

Cari Trubies, a causa dei problemi di linea non ho potuto parlarvi di Spellbook, la mia nuova creatura.

Io sono un aspirante sceneggiatore, da sempre affascinato dal mondo dei telefilm e degli scripts. Spellbook, in effetti, non è una fan fiction, né un racconto, ma è un “telefilm su carta,” una “sceneggiatura adattata.”

Si avvale di attori prestavolto, di luoghi esistenti (foto e immagini di posti reali, quindi), di colonna sonora, di score, è un vero e proprio lavoro mirato a far sembrare al lettore di guardare un telefilm. Sarà costruito ad episodi, a stagioni, è un esperimento per Telefilm Addicted, ma non è la prima volta che accade. Ho già scritto due “telefilm su carta” che hanno avuto un ottimo riscontro, si tratta di American High ed HOME.

La serie è di genere sovrannaturale, e tratta una vasta gamma di creature presenti nel panorama supernatural televisivo e cartaceo. “Spellbook,” perché il vero protagonista di questo racconto è un libro, un libro di incantesimi scritto nel corso di anni di prigionia, un libro che serve, alla protagonista, per affrontare un determinato percorso.Un nuovo episodio verrà pubblicato ogni giovedì.

 
 
 

UFFICIALE: la settima stagione di True Blood sarà l’ultima

true-blood-season-6-1.jpg

UFFICIALE, TVLINE ci conferma che la settima stagione di True Blood sarà il canto del cigno dello show. Il presidente di HBO Michael Lombardo ha detto che True Blood è stato uno show che ha definito il network.

“Alan Ball ha preso i libri di Charlaine Harris, ha messo su un cast brillante condotto dalla magnifica Anna Paquin nel ruolo di Sookie Stackhouse, ed ha creato questo show che ha portato i suoi devoti fan in un viaggio indimenticabile. Alan ha passato il tutto a Brian Buckner, che ha condotto in nostri fantastici scrittori e la nostra crew in una spettacolare sesta stagione, e che ci condurrà attraverso la settima e ultima stagione di questo fantastico show. Insieme con le sue legioni di fan, sarà difficile dire addio ai residenti di Bon Temps, ma non vedo l’ora per ciò che promette di essere un fantastico capitolo finale di questo show.”

La settima stagione di True Blood avrà 10 episodi

True-Blood-Logo-425x239.png

TV Guide sembra confermare che la settima stagione di True Blood, proprio come la sesta, sarà composta da 10 episodi e non da 12.

So che è presto, ma hai qualche scoop su True Blood?- Brandon

NATALIE: solo perché lo show è andato sei mesi avanti nel finale, non aspettatevi che il figlio ibrido di Sam sia nato nella prossima stagione. Il produttore esecutivo Brian Buckner spiega: “I nostri 10 episodi (di solito) coprono due settimane,” che, anche per la televisione, non è abbastanza per far nascere un ibrido. Ma dice che se sarà la stagione finale, le cose potrebbero procedere più velocemente.