Le impressioni finali della quinta stagione di True Blood…dal punto di vista di una team Bill!

Comunque, quest’anno le storie secondarie mi sono piaciute, tutte, anche quella di Terry, e di Alcide diventato finalmente capobranco (e a dirla tutta Manganiello non è affatto male), ma soprattutto mi ha colpito favorevolmente la storia di Sam, tra l’altro Sam Trammell è un attore grandioso.

True Blood è sempre stato un serial corale, basato si sui vampiri, ma vampiri che cercano di integrarsi nella comunità degli esseri umani, e quindi, com’è giusto che sia, nello show c’è, e si deve, trovare spazio anche per le storie “comuni”, forse poco interessanti per alcuni, ma pur sempre facenti parte della comunità dove i vampiri interagiscono.

Detto questo, mi soffermerò sul finale di questa quinta stagione, o cliffanger come dir si vuole, che ha lasciato tutti senza fiato, team Bill e team Eric, team vattelapesca e team nessuno….ovviamente il tutto dal un punto di vista strettamente personale….ma eviterò di parlare di Eric, visto che se ne parla già abbastanza nel web…

Nella scena finale di questa quinta stagione … Bill si è liquefatto sotto i nostri occhi, resuscitando in, come lo chiamano ormai tutti, Billith….

Ma andiamo a monte ….. chi è Bill? Chi è davvero questo personaggio contorto, misterioso, molto odiato, e sicuramente poco apprezzato da molti?

Una utente della pagina facebook di “True Blood Italian”, Lena, l’ha descritto in modo molto preciso ed accurato:

“Bill è un personaggio in bilico tra quello che in realtà è e quello che vorrebbe essere. Bill è un vampiro. I vampiri sono istintivamente portati ad uccidere per nutrirsi, sono dei predatori. Bill aveva scelto di convivere con gli umani pur avendo ancora stimoli ad uccidere.

Ha represso la sua natura perchè pensava non fosse giusto uccidere (pur continuando a nutrirsi), a questo proposito è emblematico il falshback del 1982 in cui lo vediamo abbordare un umano per poi glamourizzarlo e lasciarlo andare.

 Io credo che il sangue di Lilith e le parole di Salomè abbiano fatto scattare qualcosa nella sua mente, si è completamente affidato a un’entità superiore che lo fa sentire in pace con se stesso, lo fa sentire libero di essere quello che è. Se un uomo (in questo caso un vampiro) si sente giustificato ad essere un “mostro” da un dio, non desidererà nient’altro che essere un mostro.

Una cosa che spesso viene criticata a questo personaggio è la sete di potere. Anche Russell è assetato di potere, eppure è un personaggio molto amato, e ancora, la mancanza di lealtà verso Eric”.

A proposito della mancanza di lealtà verso Eric, cosa che mi fa sorridere, c’è da dire che Bill ed Eric non sono mai stati amici, si odiavano addirittura prima di questa stagione, odio che ha portato Bill a volerlo eliminare per ben due volte.

Perché avrebbe dovuto essere leale con lui? L’unica volta che ha provato “sentimenti” compassionevoli per Eric, è stato quando l’ha risparmiato per amore di Sookie, per far felice la sua amata.

3168597119.jpg

Molto probabilmente, la bromance che si è creata sin dalla fine della quarta stagione, è basata proprio sull’amore che entrambi provavano per la fatina di Bon Temps, Sookie Stackhouse, e sulla voglia di proteggerla a tutti i costi.

Ma senza divagare oltre …. perché si è arrivati ad un finale così sconvolgente?

La risposta è nelle parole finali di Bill, parole che, dalla maggioranza del team Eric, sono state travisate! 

In questo finale, vediamo un Bill consumato nell’anima a causa della sua voglia di essere amato e amare… Bill, un vampiro debole che rispecchiava, in fondo, proprio tutte le caratteristiche di un essere umano..fraglie, insicuro, pieno di tormenti e sempre alla ricerca di accettazione da parte degli altri.

Nelle ultime parole che rivolge a Sookie, c’è tutta l’amarezza per aver vissuto una vita sentendosi sempre fuori posto… sentendosi sempre inadeguato.

887227346.jpg

Nel suo .. “per quel che ne sai” .. traspare tutta l’amarezza per una “vita” vissuta in cerca di un qualcosa in cui credere. Qualcosa che aveva trovato in Sookie, il suo miracolo, colei che lo spingeva a percorrere la strada dei “buoni”, colei che lo spingeva a sentirsi meglio del “mostro” in cui l’aveva trasformato Lorena, colui che era il cavalliere senza macchia e senza paura quando accorreva per salvare la sua amata, colui che ha pensato addirittura di poter avere una “vita” normale con Sookie, chiedendola in sposa…

Ma ormai questo Bill, il “vecchio” Bill …. non esiste più…lui aveva creduto che lei potesse portagli un pò di pace nel suo tormentato animo, ed invece dopo che anche lei gli ha voltato le spalle…. non ha avuto più nulla in cui credere…

Si è aggrappato all’unica cosa che gli dava delle certezze….ed ha portato la sua decisione fino in fondo…pur dichiarando, prima di ingerire il sangue della Dea Lilith, ancora una volta il suo amore a Sookie..

Questo risvolto dei fatti mi ha intristito molto, ormai non si torna più indietro, e da qui in avanti non so cosa potrei provare per questo “nuovo” Bill… come non so cosa potrò provare per il “nuovo” True Blood in generale …. 

Per questo sono convinta che Ball, probabilmente, se l’è portato via con se..perchè in fondo un personaggio come Bill, che è stato poco apprezzato, poco amato, ma molto complesso e ricco di sfaccettature..non era adatto alla “massa”. Un Bill costruito minuziosamente,  e ispirato dai grandi personaggi della letteratura inglese, quali il Mr Rochester di Jane Eyre, sino ad arrivare a Hitcliff di “Cime Tempestose.

Ball ha dato un tocco ineguagliabile e sconvolgente al suo lavoro….dopo 5 stagioni …. ci ha lasciato con qualcosa di “manipolabile” nelle mani dei prossimi autori….

Sembrava quasi che nell’attimo in cui Bill si “discioglieva” Ball gridasse … Bill is mine .. e come dargli torto? 

Posso affermare che quella di Bill è stata la degna fine di un magnifico personaggio….probabilmente fine ispirata da Dart Fener … ricordate quando in “Guerre Stellari” Lord Fener riemerse dall’oscurità morendo tra le braccia di suo figlio Luke?…magari è proprio quello che accadrà a Bill…morirà tra le braccia di Sookie mentre, finalmente, potrà riappropriarsi di quella umanità sempre rimpianta…..

Com’è che si dice quando muore un Re e ne sale al trono un altro? Il Re è morto, lunga vita al Re!

Quindi in True Blood è iniziata una nuova “era”, spero solo che possa ancora coinvolgermi … intanto sono curiosa di scoprire  cosa ne faranno di Billith …. ed inoltre, adesso che il suo pro-pro-pro-pro nipote Andy Bellefleur ha 4 figlie fate, non credete che possano essere in pericolo con Warlow ancora in giro?

Questo nuovo Bill si sentirà “legato” in qualche maniera alla sua discendenza? Ricorderà ancora i sentimenti “umani” che l’hanno legato a Sookie… e chi proteggerà la fatina? Il pelide Eric sicuramente!! 

(Come dice una mia carissima amica…” Eric è pervaso da una musichetta da eroe con sguardi lunghi e languidi”..)

…. e per le nostalgiche come me…

1237321294.jpg

Le impressioni finali della quinta stagione di True Blood…dal punto di vista di una team Bill!ultima modifica: 2012-12-15T15:16:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento